Tag Archives: dimenticare

Sei dappertutto

La cosa peggiore è che tu sei dappertutto. Ti vedo dappertutto, quando passo in bici per le strade della città, quando esco a prendere un caffè in piazza, nel mio ascensore, nel mio letto. Ogni posto mi ricorda te, ogni cosa che vedo, che sento. Ogni cosa che faccio vorrei raccontarti, ogni cosa che penso. Nonostante parlassimo due lingue diverse non mi sono mai sentita così capita da nessuna persona al mondo, nonostante gli errori lessicali, le pronunce accentate, le parole tradotte col cellulare.
Vai via, ti prego, vai via dalla mia testa perché sto impazzendo. La mia vita ora mi sembra solo una brutta copia di quella che avevo prima di conoscere te, non ricordo più come facessi ad essere felice e serena in un mondo in cui non avevo idea della tua esistenza.
Guarda cosa mi stai facendo dire, sono diventata patetica. So che solo il tempo guarisce queste cose ma come faccio a dimenticarti se nella mia mente tu sei ancora perfetto? Quando due persone si lasciano è perché non si amano più, perché si sono tradite, perché non sono più felici. Ma non è stato così per noi. E in certi momenti vorrei che non fossi stato così perfetto, vorrei che mi avessi fatto qualcosa di male, così almeno potrei odiarti e affidarmi al mio (ormai dimenticato) orgoglio, che mi ha salvato tante volte prima.
Vattene, ti prego vattene perché non ce la faccio più.

Advertisements

Non dimenticare, mai

Continuo a bruciare. I miei occhi bruciano, la mia gola brucia, il mio petto sembra non contenere più il mio cuore. In certi momenti, quando non riesco a respirare, penso che il dolore non passerà mai. Lo so che passerà, ma quando manca l’aria è difficile crederci. Mi sento viva, il mio cuore è vivo, perché è pieno come non lo è mai stato prima. E’ pieno di amore, ma di un amore che brucia perché non ha avuto il tempo di estinguersi. Non ha avuto il tempo di andarsene, un poco alla volta, ma è stato bruscamente trasformato in dolore, in un minuto, in una porta che si chiude, portandosi via per sempre i miei occhi preferiti che continuo a sognare.

E’ quindi questo che mi tiene viva? Il dolore?

Voglio che la sofferenza passi ma non voglio morire ancora, non voglio che il mio cuore torni a dormire. E non posso fare niente, perché in momenti così non si può fare niente. Si sopravvive, minuto dopo minuto, ora dopo ora, giorno dopo giorno. Una parte di me vorrebbe dimenticare, non pensarci, essere felice. L’altra si attacca morbosamente ad ogni ricordo, ad ogni dettaglio vissuto, ad ogni parola detta, come se avessi paura di dimenticare tutto questo.

E io non voglio dimenticare. Fa male, da morire, ma amare così forse capita una volta sola nella vita. E sono grata, grata per ogni istante. Se potessi tornare indietro, rifarei tutto. Perché anche uno solo dei minuti che abbiamo passato assieme vale tutte le lacrime che ormai non provo più neppure a trattenere.

Non ti dimenticherò, anche se questo significa soffrire ancora. Mi hai insegnato cos’è un momento perfetto, un momento che può dare senso a una vita intera.